Guida alla vita assistita nel New Hampshire

C’è molto da sapere e imparare quando si sceglie una struttura di vita assistita. Usa la nostra guida completa e altamente informativa per aiutarti a prendere decisioni importanti sui tuoi bisogni, su cosa offrono le strutture di vita assistita nel New Hampshire e su come decidere quale sia quella giusta per te. Dopotutto, più cose sai sugli alloggi per anziani NH e sulle strutture per la vita assistita, meglio sarà per te. Leggi la nostra guida qui sotto o scarica il PDF qui:

Download

Panoramica della vita assistita

Le strutture di vita assistita per anziani sono progettate per aiutare gli individui che hanno bisogno di assistenza nelle normali attività della vita quotidiana (ADL) in modo tale da promuovere la massima indipendenza. Gli individui si trasferiscono comunemente in residenze di vita assistita in seguito a un evento/preoccupazione significativa legata alla salute o alla memoria o per una maggiore interazione sociale, per ridurre le responsabilità, per aumentare la loro sicurezza e/o per attività, inclusa la forma fisica. I seguenti dati del National Center for Assisted Living delineano i profili dei clienti target:

I residenti delle strutture di residenza assistita sono tipicamente

  • 86,9 anni
  • Sono passati alla residenza assistita all’età di 84 anni.6 anni
  • Femmina (74%)
  • Ha scelto una residenza entro 10 miglia dalla sua casa precedente (62%)

I residenti si sono trasferiti dalle seguenti località precedenti:

  • Casa o appartamento privato (70%)
  • Casa di riposo/vita indipendente (9%)
  • Struttura di cura specializzata (9%)
  • Residenza familiare (7%)
  • Un’altra residenza di vita assistita o casa famiglia (5%)

Gli ospiti hanno scelto di trasferirsi in una residenza di vita assistita per i seguenti motivi:

  • Richiedono assistenza nella gestione dei farmaci (80%)
    – I residenti in media prendono 7.6 farmaci da prescrizione e 2.3 over-the-da banco al giorno
  • Hanno condizioni di salute
    – 66% Ipertensione/Alta Pressione Sanguigna
    – 42% Artrite
    – 38% Alzheimer/Demenza
    – 33% Malattia Coronarica Malattia
    – 30% Depressione
    – 27% Osteoporosi
    – 19% Degenerazione Maculare/Glaucoma
    – 17% Diabete
    – 14% Ictus
  • Richiedono assistenza nelle ADL (fare il bagno, mangiare, vestirsi)
    – 64% Fare il bagno
    – 39% Vestirsi
    – 12% Mangiare
  • Richiedono assistenza per le attività strumentali della vita quotidiana (IADL)
    – Lavori domestici
    – Lavanderia
    – Preparazione pasti
    – Gestione telefono
    – Gestione farmaci
    – Trasporto

Popolazione anziana

Si prevede che il bisogno di una vita assistita in NH e di alloggi per anziani aumenti significativamente nel prossimo decennio e rimanga in forte domanda per i prossimi quattro o cinque decenni a causa dell’invecchiamento dei “Baby Boomers”. In base al censimento 2010 degli Stati Uniti, la popolazione è cresciuta ad un tasso più veloce nelle età più anziane che in quelle più giovani. In particolare, la popolazione di 65 anni e più, che rappresenta il 13% della popolazione (40,3 milioni di persone), è cresciuta ad un tasso del 15,1% tra il 2000 e il 2010. La popolazione del Baby Boom, che attualmente ha tra i 45 e i 65 anni e rappresenta il 26,4% della popolazione, è cresciuta ad un tasso del 31,5%. In confronto, la popolazione sotto i 18 anni è cresciuta solo del 2,6% e la popolazione dai 25 ai 44 anni ha avuto un tasso di crescita del -3,4% (Age and Sex Composition: 2010).

I Centers for Medicare and Medicaid hanno riferito che dal 1° gennaio 2011, 10.000 americani diventano idonei al giorno per Medicare, segnando l’inizio della generazione Baby Boom che compie 65 anni. L’età media è aumentata a causa dell’invecchiamento della popolazione del Baby Boom. In particolare, il New Hampshire è attualmente al quarto posto nella nazione per quanto riguarda l’età mediana (41,1 anni). La popolazione totale del New Hampshire è di ~1,3 milioni con il 13,5% di età pari o superiore ai 65 anni e il 30,7% di età compresa tra i 45 e i 64 anni, il che indica che il bisogno di residenze assistite continuerà per diversi decenni (Composizione per età e sesso: 2010).

Necessità crescente

Secondo un rapporto del 2007 pubblicato dal Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti, c’erano circa 38.000 residenze assistite negli Stati Uniti (Assisted Living Facility Profile – National Center for Assisted Living). Un rapporto del marzo 2011 del National Center for Assisted Living ha riportato che c’erano circa un milione di americani residenti in strutture di vita assistita, compresi 131.000 che ricevevano assistenza attraverso Medicaid (Assisted Living State Regulatory Review 2011). Con una popolazione di età superiore ai 65 anni di 40,3 milioni, ci sarà un bisogno significativo di ulteriori strutture di vita assistita nei prossimi anni.

Fornitori di servizi

Le strutture di vita assistita sono di proprietà e gestite da individui e da grandi società, variano significativamente nel numero di residenti e sono ospitate in case o in strutture più grandi. Tutte le strutture sono autorizzate dal Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani del rispettivo stato. I requisiti per la licenza variano a seconda dello stato, ma in genere riguardano sia i requisiti clinici che quelli della struttura. Le strutture sono in genere soggette a requisiti di licenza iniziali e annuali e sono soggette a ispezioni senza preavviso per garantire la sicurezza dei residenti e il rispetto continuo dei requisiti normativi. Nel New Hampshire, il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani richiede una licenza iniziale e annuale, che richiede un’ispezione in loco, così come esegue ispezioni senza preavviso.

Come scegliere la giusta struttura di vita assistita per te o il tuo caro.

Ci sono molti fattori da considerare quando si sceglie una residenza assistita nel New Hampshire. La scelta giusta è quella che si adatta meglio a ciò che è importante per voi o per il vostro caro per la vostra prossima casa. Questa guida non ha lo scopo di indirizzarvi verso una specifica struttura per anziani nel New Hampshire, ma piuttosto di aiutarvi a porre domande personali e sulla struttura per restringere al meglio la scelta a quella che meglio soddisferà le vostre esigenze o quelle del vostro caro.

Domande personali

È spesso molto utile definire chiaramente il motivo per cui voi o il vostro caro state pensando di trasferirvi in una residenza assistita, perché questo vi guiderà nelle domande più importanti da porre alle strutture specifiche che visiterete.

Perché state considerando una residenza assistita in questo momento? O in futuro?

  • Necessità di salute?
  • Preoccupazioni di gestione dei farmaci?
  • Assistenza nelle attività della vita quotidiana (mangiare, fare il bagno, vestirsi)?
  • Assistenza nelle attività strumentali della vita quotidiana (lavori domestici, lavanderia, cucina, trasporto, ecc.)?
  • Mancanza di socializzazione?
  • Depressione?
  • Rischio di caduta?

Quali fattori sono importanti per lei riguardo al tipo di residenza che sceglie?

  • Tipo di ambiente? Piccolo, grande, come una casa, più grande con amenità estese?
  • Camera da letto privata o condivisa? Bagno privato o condiviso? Appartamento dedicato?
  • Capacità di fornire i servizi richiesti?
  • Disponibilità di personale infermieristico? Numero di personale per residente?
  • Tipo di servizi e attività fornite? Frequenza delle attività?
  • Prossimità ai propri cari?
  • Prossimità ai fornitori di assistenza medica?
  • Costo? Modello tariffario (tutto incluso o a pagamento per servizi specifici)?
  • Trasparenza dei prezzi e dei costi?
  • Disponibilità di trasporto? Possibilità di tenere un veicolo personale in loco?
  • Possibilità di tenere un animale domestico?
  • Altri fattori?

Domande sulla struttura

  • La struttura accetta attualmente residenti? C’è una lista d’attesa e se sì, qual è il processo di notifica?
  • Quanti residenti?
  • La residenza offre appartamenti e/o camere private o condivise? I bagni sono privati o condivisi?
  • Qual è la politica di assegnazione dei compagni di stanza se una stanza condivisa?
  • In quali circostanze viene chiesto ad un residente di cambiare stanza?
  • Le stanze sono arredate o non arredate?
  • La biancheria viene fornita?
  • Qual è la composizione del personale e il rapporto del personale? Giorno/notte?
  • Quanto personale in totale lavora nella struttura? Il residente vedrà abitualmente lo stesso personale? Qual è il tipico turnover del personale nella struttura?
  • Il personale infermieristico è presente sul posto? Quante ore al giorno? Su chiamata? Quante ore al giorno?
  • Il personale è disponibile per assistere nella somministrazione dei farmaci? Quante ore al giorno?
  • Quali servizi sono forniti? (vedi anche le domande finanziarie qui sotto)
  • Ci sono servizi aggiuntivi che vengono forniti ad un costo aggiuntivo? (vedi anche le domande finanziarie qui sotto)
  • Quali servizi sono disponibili/forniti? Ce ne sono a costo aggiuntivo? (vedi anche le domande finanziarie qui sotto)
  • Quali tipi di attività sono fornite? Frequenza delle attività? Costo aggiuntivo?
  • Sono disponibili servizi di trasporto per appuntamenti medici e dentistici? Costo aggiuntivo?
  • Sono disponibili servizi di visite mediche assistite dal personale? Costo aggiuntivo?
  • Sono disponibili servizi di lavanderia? Costo aggiuntivo? I residenti possono fare il proprio bucato?
  • Sono forniti/disponibili servizi di televisione via cavo, telefono e internet? Costo aggiuntivo?
  • Quanti pasti sono forniti ogni giorno? Il menu è pubblicato in anticipo e sono disponibili più di un’opzione per pasto? C’è personale per diete speciali? Possono essere soddisfatte esigenze dietetiche speciali? Sono disponibili spuntini e, se sì, quanti e con quale frequenza?
  • È permesso alla famiglia e agli ospiti di mangiare nella residenza? Costo aggiuntivo?
  • C’è un programma di idratazione? Costo aggiuntivo?
  • C’è una sala da pranzo privata per funzioni familiari private? Come si prenota? Costo aggiuntivo? Si può richiedere un menu speciale per le funzioni?
  • Sono ammessi animali domestici? Ci sono delle restrizioni? Costo aggiuntivo?
  • Quanto spesso vengono forniti servizi di pulizia?
  • Qual è la politica del fumo?
  • Quale spazio esterno è disponibile? Ci sono servizi all’aperto (giardini, sentieri, ecc.)?
  • C’è un deposito disponibile in loco? Ci sono delle restrizioni? Costi aggiuntivi?
  • C’è un parcheggio per i veicoli dei residenti? Ci sono restrizioni? Costo aggiuntivo?
  • C’è un parcheggio sufficiente per familiari e ospiti?
  • Sono ammessi familiari e ospiti? Ci sono orari di visita specifici? Esiste una politica per gli ospiti?
  • I residenti devono avere un’assicurazione per gli affittuari?
  • Sono ammessi in loco fornitori di servizi terzi (es. fisioterapia, podologia, assistenti sociali, ecc.)? C’è una prova della loro licenza? Come vengono fatturati i servizi?
  • C’è un salone in loco? Costo aggiuntivo? Come vengono fatturati i servizi?
  • La struttura tiene la stanza di un residente in caso di ricovero o altre cure terapeutiche fuori dalla struttura? Per quanto tempo? Ci sono delle restrizioni?
  • Qual è il piano di emergenza medica della struttura?
  • Quanto sono vicini i servizi di emergenza? Assistenza medica? Ospedale?
  • La struttura ha un generatore?
  • Qual è il piano di emergenza?
  • I residenti partecipano alle esercitazioni antincendio di routine? Qual è il piano di evacuazione antincendio?
  • La struttura offre servizi religiosi?
  • Quali sono le regole della residenza?
  • Quali sono i diritti e le responsabilità dei residenti?
  • La struttura è mai stata segnalata per uno dei seguenti casi:
    – Abusi sui residenti
    – Violazioni del codice antincendio o di sicurezza
  • Chi è il proprietario della struttura?
  • La struttura ha qualche affiliazione culturale o religiosa?
  • Quali sono i motivi di cessazione volontaria e involontaria della residenza?
  • In generale, quali sono le condizioni e l’aspetto della struttura?
  • In generale, i residenti sembrano ben curati, ben assistiti e coinvolti nelle attività?

Domande mediche

  • Qual è il livello di licenza della struttura? Nota: Questo riguarda soprattutto la presenza o meno di RN sul posto.
  • Ci sono restrizioni mediche che influiscono sul fatto che la struttura sia appropriata per il livello di cura richiesto e/o che potrebbero essere motivo di cessazione della residenza? Nota: questo può includere questioni come incontinenza, protocolli di deglutizione, diabetici insulino-dipendenti, ecc. poiché non tutte le strutture sono dotate di personale e/o attrezzature per accettare residenti con questi requisiti.
  • La residenza può soddisfare tutte le vostre esigenze di assistenza, 24/7, sulla base di quanto sopra?
  • Come vengono valutate le esigenze di assistenza dei candidati per la residenza?
  • Quanto spesso vengono riviste le esigenze di assistenza?
  • La residenza sviluppa piani individuali di assistenza infermieristica? Se sì, quanto spesso vengono rivisti?
  • La struttura offre la gestione del caso?
  • La struttura permette l’assistenza in hospice in loco?
  • La struttura richiede/richiede direttive anticipate, un testamento biologico e/o una procura durevole per la salute?

Domande finanziarie

  • La struttura richiede informazioni finanziarie da fornire come parte del processo di richiesta?
  • Come è strutturato il prezzo?
  • Cosa è incluso nella tariffa base? Cosa non è incluso e soggetto a costi aggiuntivi? Nota: Informati in particolare su forniture, lavanderia, trasporto, pulizie, tasse per la comunità e spese per le attività, poiché queste possono spesso avere un costo aggiuntivo e non sono chiaramente identificate.
  • Quanto spesso vengono aumentate le tariffe? Con quanto anticipo e come vengono comunicati al residente gli aumenti delle tariffe?
  • La struttura accetta il pagamento da parte di terzi (cioè Medicaid) sia al momento della residenza e/o se un residente non è più in grado di pagare privatamente dopo l’ammissione?

Pensieri finali

Più di tutto, una residenza di residenza assistita è una casa. Quando visitate, fate attenzione alla sensazione che provate e a ciò che osservate. Ti sembra un posto dove ti sentiresti a casa? Ti sembra un posto per la mamma? Come ha interagito il personale con te e con i tuoi familiari durante la visita? Ti sei sentito accolto e trattato come una persona? La direzione era presente e coinvolta? I residenti sembravano felici, curati e impegnati nelle attività e parlavano positivamente della residenza? Nonostante la lunga lista di domande presentate in questa guida, la nostra speranza è che queste ultime domande siano quelle critiche che ti aiuteranno a prendere una decisione su dove dovrebbe essere la prossima casa per te o per il tuo caro.

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.