Gli slum urbani in Nigeria: Garantire condizioni di vita sane

Molti dei residenti di Lagos vivono in insediamenti informali senza o con un accesso limitato ai servizi di base. Con l’arrivo di nuovi immigrati dalle zone rurali ogni giorno, la pressione aumenta sulle già povere condizioni di vita. È necessaria un’azione globale per affrontare i problemi sociali, ambientali e sanitari interconnessi, dice Olaoluwa Pheabian Akinwale.

Il Programma delle Nazioni Unite per gli Insediamenti Umani (UNHS) definisce uno slum come una vasta gamma di insediamenti a basso reddito e/o condizioni di vita povere, che includono i vasti insediamenti informali che stanno rapidamente diventando l’espressione più visibile della povertà urbana. Questo è anche il caso delle città della Nigeria, dove il tasso di crescita della popolazione urbana è più veloce della crescita economica e supera sempre più la capacità dei servizi sanitari e sociali del paese di fornire le cure appropriate e necessarie.

L’urbanizzazione sta cambiando anche le strutture e le funzioni di altre istituzioni sociali. Per esempio, l’urbanizzazione altera il ruolo della famiglia, le strutture demografiche, la natura del lavoro e il modo in cui le persone scelgono di vivere e con chi. Modifica anche i ruoli domestici e le relazioni all’interno della famiglia, e ridefinisce i concetti di responsabilità individuale e sociale. I crescenti livelli di povertà sono stati ulteriormente aggravati dalla disoccupazione, dalla sottoccupazione, dalla diminuzione dei salari dovuta alla persistente inflazione e dall’incontrollata migrazione rurale-urbana. I risultati sono la povertà e le cattive condizioni di salute, specialmente tra i poveri urbani che vivono sotto la soglia di povertà con un accesso limitato ai servizi sociali e sanitari. Per molte persone in tali circostanze, la vita negli slum è una realtà inevitabile.

Lagos metropolitana e le sfide della migrazione rurale-urbana

Lo stato di Lagos, nel sud-ovest della Nigeria, ha una popolazione di circa 20 milioni su una stima nazionale di 180 milioni. Di questa popolazione, la metropoli di Lagos, un’area che copre il 37% della superficie dello Stato di Lagos, ospita più dell’85% della popolazione dello Stato. La metropoli di Lagos rappresenta l’epitome del decadimento urbano pieno di problemi ambientali che vanno dalle baracche e dagli insediamenti abusivi al crimine e alla delinquenza.

L’alto tasso di crescita della popolazione di Lagos è stato ampiamente attribuito alla migrazione rurale-urbana, che rappresenta fino all’80% dell’aumento della popolazione. Questo tasso di crescita, che ha raggiunto fino al 10 per cento nell’ultimo decennio, si è tradotto in una domanda di terra senza precedenti. È quindi un fenomeno comune vedere terreni non sviluppati che vengono occupati dagli immigrati rurali e che portano allo sviluppo incontrollato e non organizzato di comunità di baraccopoli. Queste aree di solito mancano di infrastrutture di base e sono caratterizzate da condizioni ambientali molto povere.

Circa due terzi della popolazione metropolitana di Lagos occupano tali insediamenti informali, abitazioni abusive, sviluppi di terreni non autorizzati, o stanze e appartamenti in edifici fatiscenti e non completati. Gli abitanti degli slum urbani di Lagos sono privati delle strutture sociali di base essenziali e si trovano ad affrontare condizioni di vita povere a causa della densità della popolazione, del sovraffollamento, della disoccupazione, della povertà, della mancanza di acqua potabile, della gestione inadeguata dei rifiuti liquidi e solidi, dell’inquinamento acustico, dello scarso accesso all’assistenza sanitaria, della scarsa qualità strutturale delle abitazioni, della dislocazione culturale e dell’insicurezza dello status residenziale.

Queste condizioni rendono gli insediamenti informali terreno fertile per malattie come tubercolosi, epatite, dengue, polmonite, malaria, colera e malattie diarroiche. Inoltre, gli abitanti degli slum urbani sono ad alto rischio di malattie non trasmissibili come l’asma, le malattie cardiache, il diabete, i problemi di salute mentale tra cui l’ansia, la depressione, l’insonnia e l’abuso di sostanze, poiché adottano uno stile di vita urbano e mancano di conoscenze e informazioni sulla salute e l’assistenza sanitaria.

Riqualificazione degli slum attraverso un approccio globale

Per rendere gli slum di Lagos più inclusivi, sicuri, resistenti e sostenibili in modo da raggiungere l’obiettivo di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite (SDG) 11, abbiamo bisogno di un approccio globale di riqualificazione degli slum. Il processo di riqualificazione deve coinvolgere i governi locali nello sviluppo della salute attraverso l’impegno politico, il cambiamento istituzionale, lo sviluppo delle capacità, la pianificazione basata sul partenariato, progetti innovativi combinati con il miglioramento delle infrastrutture, la promozione della salute e la partecipazione della comunità.

Tale riqualificazione degli slum per migliorare le condizioni di vita dovrebbe consistere nel migliorare la sicurezza della proprietà attraverso la regolarizzazione dei diritti fondiari e nel migliorare la fornitura di servizi di base, come l’accesso all’acqua pulita, l’energia per cucinare e per l’illuminazione, i sistemi di drenaggio dell’acqua, l’illuminazione di sicurezza, la mitigazione dei rischi ambientali, la fornitura di incentivi per la gestione della comunità, il miglioramento dell’accesso all’assistenza sanitaria e all’istruzione, e il miglioramento dei mezzi di sussistenza attraverso la formazione professionale e il microcredito.

Le nuove aree abitative dovrebbero essere costruite con tutte le strutture necessarie disponibili fin dall’inizio, compresi i servizi igienici separati costruiti in ogni famiglia per facilitare l’igiene personale. Questo approccio globale dovrebbe essere realizzato in modo da considerare le paure, i bisogni e i desideri dei poveri abitanti degli slum.

“Pacchetti d’intervento” per migliorare la salute degli abitanti delle baraccopoli urbane

Per affrontare i problemi di salute degli abitanti delle baraccopoli urbane in particolare, i governi municipali dovrebbero concentrarsi su interventi multipli in modo da prendersi cura della connessione dei loro problemi, e non semplicemente eseguire misure curative o preventive in un’area di interesse che sarebbe limitata nella portata e probabilmente meno efficace di un approccio globale. “Pacchetti di intervento” che affrontano contemporaneamente la fornitura di servizi sanitari, il risanamento ambientale, l’igiene personale, il comportamento di ricerca di cure sanitarie e le opportunità di sostentamento avranno molto probabilmente un impatto maggiore. Raccomandiamo inoltre che tutti i livelli di governo in Nigeria sviluppino strategie per lo sviluppo sostenibile e la fornitura di infrastrutture al fine di trasformare le numerose baraccopoli del paese in comunità sostenibili.

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.