15 idee per l’appello di fine anno per le organizzazioni nonprofit

Spesso perso nel luccichio delle feste, gli appelli di fine anno sono ancora una parte importante della strategia di raccolta fondi di qualsiasi organizzazione nonprofit. Un appello di fine anno di successo può continuare a stabilire il tono per un anno generoso di donazioni in futuro.

Perciò, prima che l’anno (diamine, il decennio!) si concluda, date un’occhiata a questi consigli dell’ultimo minuto per la raccolta di fondi per assicurarvi che questo appello di fine anno sia il migliore che abbiate mai fatto.

15 consigli per un appello di fine anno di successo

Partite dall’obiettivo dell’anno scorso

Il primo passo in qualsiasi appello comporta la definizione dell’obiettivo. Quanto volete o avete bisogno di raccogliere per considerare questo appello un successo? Quando si tratta di fissare il tuo obiettivo di fine anno, puoi fare una delle due cose.

Prima di tutto, potresti usare il tuo obiettivo per l’appello dell’anno scorso come punto di partenza. In questo modo avrete un ottimo slogan per il vostro messaggio: “L’anno scorso abbiamo raccolto X prima della fine dell’anno. Quest’anno vogliamo raddoppiare il nostro impatto per raccogliere Y.”

In secondo luogo, potreste usare il vostro intero obiettivo di raccolta fondi per l’anno per guidare la vostra campagna. Per esempio, se il tuo team di sviluppo ha preventivato di raccogliere mezzo milione di dollari entro la fine dell’anno e ti mancano 10.000 dollari, puoi usare quella cifra come obiettivo.

Usa i risultati dell’anno in somma

Il vantaggio di un appello di fine anno è che hai quasi 330 giorni di progresso da mostrare. Al fine di rendere la vostra campagna più umana e attraente, vorrete attingere ai risultati di quest’anno per sottolineare la necessità di una donazione di fine anno. È un ottimo modo per riflettere su ciò che la vostra organizzazione ha fatto e su ciò che è in grado di fare nel nuovo anno.

Inoltre, gli approcci aneddotici agli appelli dei donatori quasi sempre superano le richieste strettamente nominali. Trasformando le cifre in dollari in risultati si dà un motivo più convincente ed emotivo per dare quando la vera stagione del “dare” è finita.

Avere una richiesta specifica in mente per i donatori

A questo punto durante l’anno la stanchezza dei donatori per le vacanze è arrivata. Lasciare che la gente “doni quello che ritiene giusto” molto probabilmente si tradurrà in un risultato inferiore al vostro obiettivo. Togliete l’incertezza dalla filantropia ai vostri sostenitori! Spiegate loro il vostro obiettivo e condividete ciò di cui avete bisogno per renderlo possibile.

Gli appelli di fine anno hanno quasi sempre una specifica cifra in dollari a cui puntare. Approfittate di questo per creare livelli di donatori che siano realistici e generosi.

Foto di credito: GiveGab

Harness The Holidays

Dopo aver giocato un lato della medaglia della fatica delle vacanze, è il momento di fare un po’ di luce sull’altro lato. La fine dell’anno porta anche pensieri di risoluzioni per il nuovo anno. Quando gennaio si avvicina, le persone di tutto il mondo fanno piani per essere migliori, più in forma e più altruisti.

Oltre a perdere peso e abbandonare le cattive abitudini, uno dei propositi più comuni è quello di donare di più in beneficenza o essere coinvolti nella filantropia. Assicuratevi di alimentare questo entusiasmo incoraggiando le persone ad anticipare i loro propositi.

Prestare un’attenzione speciale ai donatori di alto valore

Le migliori pratiche per gli appelli di fine anno richiedono generalmente un approccio unico alle vostre richieste del 1-5% dei vostri donatori. Pensate a loro come ai vostri donatori VIP. Dovete assicurarvi che ricevano una richiesta speciale, direttamente da qualcuno del c-suite. Assicuratevi che i loro contributi non passino inosservati e includete un piccolo ringraziamento extra!

Iniziate a pianificare in anticipo

Non volete aspettare fino a dicembre per iniziare a pianificare il vostro appello di fine anno. Infatti, circa il 52% delle organizzazioni non profit iniziano a pianificare il loro appello di fine anno all’inizio di ottobre. Vorrai lasciare un sacco di tempo per raccogliere le tue statistiche, segmentare i tuoi donatori, controllare le tue promesse, e mettere in fila gli altri donatori!

Considera un’equiparazione dei doni

Un popolare strumento di relazioni con i donatori è l’uso dell’urgenza positiva. Un eccellente esempio di questo è un abbinamento con un donatore aziendale. A parte la vostra narrazione convincente, un ottimo modo per incoraggiare le donazioni è quello di fornire un contributo aziendale. Aiuta ogni donatore a sentire che il suo impatto è raddoppiato se dona ora, ergo un incentivo esplosivo!

Photo Credit: Double The Donation

Encourage Peer-to-Peer Fundraising

Peer-to-peer fundraising è simile al crowdsourcing nel senso che sfrutta il potere del collettivo. Questa strategia di raccolta fondi, in particolare, incoraggia i donatori a raccogliere fondi per conto di un’organizzazione no-profit attraverso le loro reti.

Per rendere la tua campagna peer-to-peer friendly dovrai assicurarti di avere un sacco di prodotti da consegnare, inclusi post di marca sui social media, email e modelli di testo, e una grafica adatta al marchio. Puoi saperne di più sul texting P2P qui.

Utilizza gli avvisi mobili

Text marketing e nonprofit vanno insieme come i calzini di lana e il Vermont. Un’accoppiata perfetta! Puoi suscitare entusiasmo per la tua prossima campagna con avvisi di testo ai sostenitori che condividono cose come fatti veloci sul tuo nonprofit e altre dichiarazioni di impatto. E con il 95% dei testi che vengono letti entro 3 minuti, le tue possibilità di essere notato sono alte!

Oggi 10:00 AM
Sapevi che il costo operativo giornaliero per St. Jude è di 1,8 milioni di dollari, che è principalmente coperto dai contributi pubblici?

Ringraziate i donatori & Preparateli per il prossimo anno

Un tema costante di ogni campagna di donazioni di fine anno dovrebbe essere il “grazie”. Mentre la vostra enfasi è sulle donazioni, dovrebbe ugualmente prestare attenzione a tutto ciò che i vostri donatori hanno fatto nell’ultimo anno. La fidelizzazione dei donatori è preziosa, e uno degli ingredienti chiave per ottenerla è esprimere gratitudine!

Aggiornate il vostro sito web stagionalmente

In compenso, la vostra campagna di fine anno può anche essere un ottimo momento per catturare donatori unici che cercano di essere coinvolti in una nuova causa. Assicuratevi che le immagini della vostra campagna di fine anno siano ben visibili sulla vostra home page, così come i link ai post del blog che riguardano gli obiettivi della vostra campagna.

Riavvicinare i donatori inattivi

Una campagna di fine anno segnala l’inizio di un nuovo capitolo. Un’eccellente opportunità per raggiungere i donatori con cui avete perso il contatto e cercare di riavvicinarli alla vostra missione. Condividi come sei cresciuto come organizzazione nell’ultimo anno e dove sei diretto nel nuovo anno.

Photo Credit: Hubspot

Annuncia la tua campagna prima della corsa

Come abbiamo detto, c’è un sacco di rumore nelle caselle di posta di tutto il mondo durante le vacanze. È importante raggiungere i vostri donatori in anticipo se volete la loro attenzione. Non lasciate che i vostri messaggi cadano nell’accozzaglia dei saldi post-natalizi. Inizia a preparare il tuo pubblico in anticipo!

Esempi del passato

Nulla ispira più fiducia in una campagna del successo passato. Un ottimo modo per sostenere i vostri risultati è quello di mostrare ai donatori ciò che avete fatto in passato. Esempi concreti di progetti finanziati o espansioni rese possibili grazie alle donazioni.

Valutate &Migliorate

Come vi sforzate di progredire, vorrete prendere tempo per riflettere su ciò che avete fatto fino a questo punto. Prendi le lezioni dell’anno scorso e assicurati di portarle in questo appello di fine anno per renderlo più forte che mai!

Vuoi esplorare altri modi per sorprendere e deliziare i tuoi donatori con iniziative di marketing innovative? Dai un’occhiata alla nostra guida al marketing via SMS per le organizzazioni non profit!

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.